ZTL

I comuni possono istituire zone a traffico a limitato per eliminare gli inconvenienti causati dall’eccessivo afflusso di autoveicoli nei centri urbani.ztl

È un’area stradale di dimensioni spaziali coincidenti con o più vie o tratti di esse, dotata di caratteristiche omogenee che giustificano l’adozione di particolari limitazioni alla circolazione dei veicoli. Le limitazioni concernono accesso e circolazione dei veicoli e possono essere riferite a ore e giorni prestabiliti, particolari categorie di utenti o di veicoli. Rispetto all’area pedonale, prevede una gamma di permessi e deroghe concedibili più estesa.

La ztl è diversa dal divieto di transito perché nella ztl è vietato l’accesso e la circolazione, mentre nel divieto di transito è vietata solo la circolazione e inoltre è imposto a tutti i veicoli.

Tra gli scopi di questo provvedimento si annoverano il mantenimento in sicurezza del centro storico durante gli orari di affluenza di un gran numero di pedoni o di maggiore traffico, mantenere bassi i livelli di inquinamento nelle zone centrali e aumentare le entrate amministrative anche con l’eventuale pagamento di un pedaggio urbano.

In alcuni casi le zone a traffico limitato sono delimitate da appositi varchi per il riconoscimento dei mezzi autorizzati all’ingresso. Questi varchi possono essere costituiti da sbarre apribili con appositi pass o con permessi elettronici oppure da telecamere poste all’accesso; in quest’ultimo caso le telecamere poste ad ogni ingresso delle zone a traffico limitato registrano le targhe di ogni singolo veicolo entrante e trasmettono al comando dei vigili competente eventuali trasgressioni da parte di mezzi non autorizzati all’ingresso.