classificazione veicoli

La classificazione dei veicoli è contenuta nell’art. 47 del cds. Si definisce veicolo ciò che può essere mosso da una forza esterna. Non sono considerati veicoli le macchine per uso di bambini che non superano determinati limiti, e per gli invalidi, rientranti tra gli ausili medici secondo le vigenti disposizioni UE, anche se asservite da motore.

I veicoli si distinguono in

  • Veicoli senza motore
    • A braccia: spinti o trainati dall’uomo a piedi, azionati dalla forza muscolare umana
    • A trazione animale
    • Velocipedi: a due o più ruote azionati dalla forza muscolare umana tramite pedali o dispositivi analoghi; eventualmente con pedalata assistita da un motore elettrico avente potenza massima di 0,25 kw la cui alimentazione è interrotta ai 25 km/h o quando il conducente smette di pedalare.
    • Slitte: veicoli muniti di pattini per la circolazione su neve trainati solitamente da animali o spinti dall’uomo
  • Ciclomotori: veicoli a motore con velocità non superiore a 45 km/h
    • Due ruote: cilindrata inferiore a 50 cm3 o potenza minore o uguale a 4 kw
    • Tre ruote: cilindrata inferiore a 50 cm3 o potenza minore o uguale a 4 kw
    • Quattro ruote: quadri cicli leggeri, massa a vuoto non superiore a 350 kg, cilindrata inferiore a 50 cm3 o potenza minore o uguale a 4 kw
  • Motoveicoli: veicoli a motore a due, tre o quattro ruote aventi massa massima non superiore a 2,5 t e dimensioni massime: lunghezza 4 m, larghezza 2 m, altezza 2,5m. velocità superiore a 45 km/h e cilindrata superiore a 50 cm3
    • Motocicli: a due ruote, destinati al trasporto di non più di due persone compreso il conducente
    • Motoveicoli a tre ruote
      • Motocicli con carrozzino: tre ruote asimmetriche
      • Tricicli: tre ruote simmetriche
      • Motocarri, motocarrozzette, moto trattori, motoveicoli per uso speciale o per trasporto specifico
    • Quadri cicli a motore: trasporto cose, massimo due persone compreso il conducente, massa a vuoto non superiore a 400 kg (550 kg se trasporto merci), potenza massima 15 kw.
  • Autoveicoli: veicoli a motore con almeno quattro ruote aventi limiti di massa:
    • A 2 assi 18 t, ad eccezione degli autobus
    • A 3 assi 25 t (26 t con asse motrice munito di sospensioni pneumatiche e ruote gemellate)
    • A 4 o più assi 25 t (32 t con asse motrice munito di sospensioni pneumatiche e ruote gemellate

E dimensioni massime

  • Lunghezza 12 m, ad eccezione degli autobus
  • Larghezza 2,55 m
  • Altezza 4 m

Si dividono in:

  • Autovetture: trasporto di non più di 9 persone compreso il conducente
  • Autobus: trasporto di più di 9 persone
  • Autocarri: trasporto cose e delle persone addette all’uso o al trasporto delle cose stesse
  • Trattori stradali: destinati al traino di rimorchi o semirimorchi
  • Autoveicoli per trasporti specifici: muniti permanentemente di speciali attrezzature, destinati al trasporto di determinate cose o persone in particolari condizioni
  • Autoveicoli per usi speciali: muniti permanentemente di speciali attrezzature destinati prevalentemente al trasporto proprio e del personale e dei materiali connessi col ciclo operativo delle attrezzature e di persone e cose connesse alla destinazione d’uso delle attrezzature stesse.
  • Autocaravan: carrozzeria speciale, attrezzati per essere adibiti al trasporto e all’alloggio di massimo 7 persone compreso il conducente
  • Mezzi d’opera: particolari attrezzature per essere utilizzati nell’attività edilizia, stradale, di escavazione
  • Autotreni: complessi di veicoli costituiti da due unità distinte agganciate, una motrice e un rimorchio
  • Autoarticolati: complessi di veicoli costituiti da un trattore stradale e un semirimorchio
  • Autosnodati: due parti comunicanti e collegate permanentemente

 

  • Filoveicoli: a motore elettrico, non vincolati da rotaie, che prelevano corrente di alimentazione del motore da una linea aerea di contatto
  • Rimorchi: destinati ad essere trainati
    • Trasporto persone
    • Trasporto cose
    • Trasporti specifici
    • Trasporto attrezzature turistiche e sportive (TATS)
    • Caravan: adibiti all’alloggio a veicolo fermo

Il carrello appendice si considera parte integrante dell’autoveicolo da cui è trainato purchè rientrante nei limiti sagoma e di massa previsti.

Il semirimorchio è costituito in modo che una parte di esso si sovrapponga al trattore stradale e una parte notevole della sua massa sia sopportata dalla motrice

  • Macchine agricole:
    • Semoventi
    • Trainate
  • Macchine operatrici: semoventi o trainate, a ruote o a cingoli, destinate ad operare su strada o nei cantieri di lavoro, eventualmente equipaggiate con speciali attrezzature. Possono essere macchine per costruzione o manutenzione di opere civili, sgombraneve, carrelli.
  • Veicoli con caratteristiche atipiche: per le loro caratteristiche non rientrano tra quelli definiti precedentemente
    • Veicoli d’epoca: non sono immatricolati e circolano solo in occasione dei raduni in quanto non sono adeguati nei requisiti, nei dispositivi e negli equipaggiamenti alle vigenti prescrizioni.
    • Veicoli di interesse storico e collezionistico: regolarmente immatricolati ed in possesso dei requisiti previsti.

Parallelamente alla classificazione vigente nel nostro paese, il cds prevede una classificazione internazionale che divide i veicoli in 4 categorie:

  • L: ciclomotori e motoveicoli
  • M: autoveicoli adibiti al trasporto persone e ai loro bagagli, almeno quattro ruote
  • N: veicoli adibiti al trasporto merci aventi almeno quattro ruote
  • O: privi di propulsione proprio, rimorchi e semirimorchi

Gli autobus vengono classificati dalla norma UE in:

  • Numero di posti minore o uguale a 22+conducente
    • Classe A: con sedili e predisposti per passeggeri in piedi
    • Classe B: passeggeri solo seduti
  • Numero di posti superiore a 22+1
    • Classe I: spazi per passeggeri in piedi
    • Classe II: passeggeri seduti e in piedi nel corridoio e in zona che non superi lo spazio previsto per due doppi sedili
    • Classe III: passeggeri seduti