Traino

  • Dispositivi di rimorchio occasionale: ganci o anelli metallici su cui poter ancorare funi o barre da traino per rimuovere il veicolo in caso di emergenza. Sono realizzati direttamente sulla carrozzeria o sul paraurti o vi è una sede per avvitare il gancio. Sono obbligatori per veicoli di categoria M e N.

traino-auto_324x268

  • Dispositivi per l’attacco meccanico che consentono di collegare tra loro motrici e rimorchi. Comprendono parti fisse e amovibili per fissare, azionare e regolare i dispositivi di attacco.
    • Ganci a campana della motrice accoppiati agli occhioni del timone del rimorchio
    • Ganci a selle di articolazione, ralla del trattore, accoppiati a perni di ralla del semirimorchio.
    • Ganci a sfera sulla motrice accoppiati a occhioni a calotta sferica del rimorchio.
    • Ganci ad uncino della motrice accoppiati ad occhioni ad anello del rimorchio.

I dispositivi di traino sono completi di struttura e traversa di traino che collegano il gancio vero e proprio alla struttura portante del veicolo, collegamento elettrico per far funzionare i dispositivi di segnalazione visiva e illuminazione del rimorchio, collegamento pneumatico per far funzionare i freni del rimorchio, eventuale collegamento ABS se presente, aggancio di sicurezza per veicoli muniti di gancio a sfera. Gli organi di traino devono essere di tipo omologato e compatibili tra loro. Il veicolo trainante deve essere atto al traino e nella carta di circolazione devono essere riportati massa rimorchiabile, eventuale massa ammessa su ralla.

I veicoli a motore e i rimorchi non possono superare la massa complessiva indicata sulla carta di circolazione su cui è indicato il valore di

  • Tara: la massa del veicolo in ordine di marcia (compresa la massa della ruota di scorta, attrezzi, rifornimento di olio e acqua, carburante con serbatoio al 90%, conducente).
  • Portata: è la differenza tra massa complessiva e tara, perciò il carico utile trasportabile sul veicolo.
  • Massa rimorchiabile: se il veicolo è atto al traino, è la massa massima che un trattore e una motrice possono trainare. Viene assegnato in sede di approvazione dei veicolo o in seguito a collaudo.
  • Massa del massimo autotreno: somma delle masse di motrice e rimorchio.
  • Massa su ralla: massa massima che può gravare sul dispositivo di traino.

I veicoli a motore e i rimorchi non possono superare la massa complessiva indicata sulla carta di circolazione. Tuttavia è prevista l’applicazione delle sanzioni amministrative solo qualora il veicolo a pieno carico risulti essere superiore al 5% della massa complessiva indicata. Non è ammesso un sovraccarico per il trasporto di merci pericolose.